Settimana incredibile! Tante belle novità, Apple e Xiaomi top

Una settimana ricca di ottime news e cambiamenti all’orizzonte quella che stiamo per lasciarci alle spalle con protagonisti Apple e Xiaomi su tutti; in più ho ricevuto una gradita sorpresa da Banggood e Blitzwolf, insomma…che figata!

Prima di iniziare vi ricordo:

  • di ISCRIVERVI al nostro CANALE YOUTUBE ed attivare la CAMPANELLA per le NOTIFICHE
  • ma non tutti i video hanno un articolo alle spalle ed allora ecco il link per la NEWSLETTER del sito
  • infine ecco tutti i nostri social dove potrete trovare praticamente di tutto! INSTAGRAM , FACEBOOK e TELEGRAM

Come sempre vi lascio prima al video, cui poi seguirà il contenuto scritto.
Dunque buona visione/lettura:

Vlog: Questo coso ha viaggiato per mesi! E poi Apple, Xiaomi e tanto altro!

BLITZWOLF BW-LT8 e i lunghi viaggi…

BLITZWOLF BW-LT8

Blitwolf Bw-Lt8 è una lampada LED (“in stile neon” per capirci) , perlopiù da esterni, con un sensore di movimento che fa si che essa si attivi qualora dovesse rilevare qualche sollecitazione.
Dispositivo interessante per carità, anzi ve ne parlerò presto con un articolo dedicato, ma ancor più interessante è la sua storia, il suo viaggio.

Pensate che ho ordinato su Banggood questo dispositivo l’ 8 Novembre 2018 ed è arrivato solo martedì 4 Giugno 2019 tra le mie grinfie.
Incredibile: pensate che questa piccola scatola ha viaggiato per nave e via gomma per migliaia di chilometri , per poi essere persa, e ritrovata mesi dopo, in qualche ufficio postale periferico del Piemonte.

Banggood mi ha già rimborsato tempo fa per la mancata consegna e, tutto sommato, mi è andata bene in quanto ho avuto sia le uova che la gallina (forse la gallina è invecchiata nel frattempo). Ci sta.
La morale di questa storia è che ormai i grandi Store cinesi sono estremamente affidabili, certo ogni tanto qualche sbavatura capita ancora, ma insomma, nessuno è perfetto!

Leggi anche:  Unboxing Amazon/Banggood, con Mi A2 Lite

Apple, tutte le novità dal WWDC 2019

Apple WWDC 2019

La WorldWide Developer Conference di quest’anno è stata particolarmente interessante e ricca di novità.
Finalmente sembra esserci un vento di cambiamento, una sorta di spirito di innovazione che ultimamente Apple sembrava un po’ aver smarrito.
Andiamo a vedere tutte le novità che ci aspetteranno nel prossimo futuro:

iOS 13

Il sistema operativo dedicato ad iPhone (non è una intro casuale) si rinnova, ecco cosa cambierà e le info indispensabili da conoscere:

  • Finalmente verrà introdotta la Dark Mode: la modalità scura tanto richiesta dagli utenti di tutto il mondo.
    Essa sarà applicata a tutte le applicazioni native e al menù impostazioni: c’è da scommettere però, che anche gli sviluppatori di app di terze parti si attrezzeranno per adattare i loro contenuti il prima possibile alla nuova modalità.
    Oltre al fatto che la Dark Mode sia bella, e che sia utile per non appesantire la vista, è probabile che anche le prestazioni in termini di autonomia ne andranno a trarre molto beneficio.
    Ancor più tutti gli iPhone dotati di display OLED (nero assoluto, pixel spento, minor consumo, top).
  • Applicazioni:
    Mappe si aggiorna con una modalità che consentirà all’utente di osservare ciò che sta intorno alla meta (si chiama “look around” non a caso), skill molto simile, per capirci, a Street View di Google.
    L’ App Musica si arricchisce con i testi delle canzoni che l’utente sta ascoltando.
    Foto invece vedrà ampliato il comparto che permette l’editing istantaneo degli scatti. Inoltre un’assistenza intelligente andrà a riconoscere ed eliminare eventuali doppioni per salvaguardare spazio di memoria.
  • Focus sulla privacy (non è una novità, se ne era già parlato ampiamente nel Keynote del 25 Marzo) che va a sfruttare sempre più la potenza e l’efficienza del Face ID.
  • “L’ultimo” dispositivo ad essere supportato da iOS 13 dovrebbe essere iPhone 6S.
  • La nuova versione del sistema operativo è già disponibile in beta per gli addetti ai lavori, mentre per l’utenza l’appuntamento è a fine Settembre.

iPadOS

Apple iPad OS

Un altro finalmente!
Infatti Apple si è decisa a dedicare un sistema operativo ai suoi (stupendi e senza rivali) tablet.

Grande attenzioni e implementazione verrà posta sui widget e sull’ottimizzazione dell’utilizzo del dispositivo con più finestre contemporaneamente.
L’applicazione File potrà interagire con contenuti all’interno di supporti esterni come pendrive o schede SD, rendendo senza dubbio più facile l’utilizzo in produttività.

In fine migliorie nella gestione della latenza di Apple Pencil e per il browser Safari che verrà sensibilmente aggiornato per sfruttare al meglio le caratteristiche del dispositivo e l’iterazione con Mac.
Anche questo sistema operativo sarà sul mercato a fine settembre e “l’ultimo” dispositivo a beneficiarne sarà iPad Air 2 ( il mio!!!! Che cul…).

Leggi anche:  AppleStore, che succede al negozio di LeGru?

TvOs e Mac Pro 2019

Novità anche per TvOs che presenta una sorta di modalità multi profilo per gli utenti e introduce, in Apple Arcade, il supporto ao pad di Playstation 4 e Xbox One S.

Apple MacPro 2019

Mac Pro 2019 cambia totalmente look rispetto al passato, da segnalare sicuramente il case (“raffreddatissimo” da ben 3 ventole) in inox dotato di ruote, che nasconde un hardware modulabile e decisamente potente: Processore Intel fino a Xeon 28 Core, fino a 1 Tera e mezzo di Ram e la possibilità (mediante un modulo dedicato) di sfruttare tutta la potenza di una doppia GPU.

Il costo? Beh dai, solo 6000 dollari (stica…).
Per non farsi mancare nulla meglio affiancare anche un bel monitor!
Ovviamente lo ha pensato anche Apple presentando Pro Display XDR5000 dollari!

Inutile dire che si tratta di prodotti dedicati ai professionisti e non ad “utenti comuni”.

MacOs Catalina

Ok il nome non sarà il massimo, ma questa nuova versione del sistema operativo dedicato a Mac è piuttosto interessante:

  • Introdotte 3 nuove app, Apple Music, Apple Tv, e Apple Podcasts, che di fatto sanciscono la dipartita di iTunes, almeno così come la conosciamo.
  • Tanti accorgimenti e funzioni dedicate alla privacy e alla sicurezza in generale.
  • Un po’ come in iOS ci sarà la funzione Screen Time per tenere sotto controllo attività e minutaggio davanti allo schermo.
  • La funzione Sidecar, infine, permetterà di utilizzare iPad come schermo secondario in caso di necessità.

Potrà farlo anche il mio iPad Air 2??? Io ci spero!!

Leggi anche:  Apple - Share Your Gifts, il nuovo Spot per le feste Natalizie

Mi Band 4, finalmente la presentazione

Xiaomi mi band 4

Aspetto la Mi Band 4 da quando è uscita la Mi Band 3 !!!
Eheheh, no non è vero, ma son un grande fan di questa serie di fitband iconiche di Xiaomi e non vedo l’ora di averla!

Nel frattempo vi posso dire che sarà presentata l’11 Giugno in Cina e che non ci sono certezze assolute ma solo un susseguirsi di rumors.
I sussurri ( in stile Varys di G.O.T.) vogliono:

  • Display a colori (marcatura stretta ad Honor Band 4) e speriamo, questo lo aggiungo io, visibile alla luce diretta del sole.
  • Supporto all’NFC (dubito, o comunque sarà una skill per il mercato orientale)
  • Chip Bluetooth 5.0
  • Prezzo in linea con il lancio della sua predecessora, dunque circa 35€.

Il 12 Giugno Xiaomi presenterà in Italia Mi 9T (in pratica il Redmi K20 Pro per il mercato europeo) e potrebbero esserci (personalmente dubito fortemente) anche novità in questo senso: vedremo.

Leggi anche:  Recensione Amazfit Bip e paragone con Mi Band 3

Finisce l’era del notch e delle fotocamere meccanizzate?

Non ho nulla contro il notch, personalmente mi piace, però è insindacabile che negli ultimi 2 anni circa, ne abbiamo visti di cotti e di crudi fino allo sfinimento.
Basta.
Samsung e Honor, con S10 e Honor 20, hanno provato una strada alternativa con il “foro nel display”.
Per quanto mi riguarda, no grazie.
Oppo, OnePlus, Xiaomi, Asus e altri hanno percorso la via di fotocamere “estraibili”, meccanizzate o meno.
Idea carina per carità, ma sono tecnologie troppo delicate per uno smartphone che viene continuamente infilato ed estratto dalla tasca.
Bocciate.

Il rilancio però arriva dai sopra citati Oppo e Xiaomi che finalmente hanno mostrato le prime immagini di smartphone con fotocamere frontali direttamente integrate sotto il display.
Ecco il primo tweet di Oppo:

Replicato in questo modo da Xiaomi:

Ovviamente non si sa molto di più, ma sembra più che ovvio che questa tecnologia sia già in fase, decisamente avanzata, di sviluppo.
Molto bene! Che sia la fine del notch, degli occhielli, degli slider e delle camere meccanizzate?
Anche in questo caso staremo a vedere!


Bene, per questo articolo è tutto, se vi fosse piaciuto vi invito a condividerlo con tutti coloro che potrebbero essere interessati; inoltre c’è la possibilità di commentare nella sezione dedicata qui sotto se aveste domande, dubbi o perplessità.
Io vi ricordo di iscrivervi al sito tramite mail e di seguirci sui nostri Social:
Facebook , Instagram , Telegram e YouTube 

Un saluto!

Author: Gigi Cioffi

Rispondi