YI Action cam, semplicità firmata Xiaomi

Yi è uno dei tanti marchi e delle numerose startup che gravitano intorno a Xiaomi; tra i diversi dispositivi prodotti da Yi appunto, ci sono anche alcune Action Cam e oggi la protagonista dell’articolo sarà proprio una di queste: Yi Action Cam, ovvero la camera d’azione con cui il marchio cinese si è fatto conoscere in Italia.

Recentemente il mercato di questo tipo di device è abbastanza in fermento: i motivi sono diversi e di sicuro, grazie al costante miglioramento degli obiettivi, le Action Cam possono essere utilizzate per molte attività differenti da quelle per cui in principio erano nate (filmare evoluzioni negli sport estremi su tutte); ovviamente questo fatto ha aumentato parecchio il bacino di utenza.

YI Action cam, piccola e intrigante cam della galassia Xiaomi

Senza indugiare oltre, andiamo a scoprire più nel dettaglio le caratteristiche di Yi Action Cam, protagonista di questo articolo.

Procediamo con ordine:

  1. Aspetto e Dimensioni
  2. Modalità di utilizzo
  3. Applicazione
  4. Porte e connettività
  5. Batteria
  6. Foto e video
  7. Conclusioni e consigli

1) Aspetto e Dimensioni

E’ davvero molto piccola (6x4x2 cm mal misurata) e leggera (circa una settantina di grammi)  e questo è dovuto, in parte, al fatto che non è presente un display.

Usiamo le immagini per capire meglio come si presenta:

2) Modalità di utilizzo

Sono presenti due modalità di scatto e ovviamente sono foto e video.
E’ possibile switchare tra l’una e l’altra premendo il tasto di accensione; in modalità VIDEO i 3 Led indicatori del funzionamento saranno fissi e quando andremo a premere l’ otturatore cominceranno a lampeggiare.
In modalità FOTO gli stessi LED saranno spenti e lampeggeranno velocemente al momento dello scatto.

La realtà però è che risulta molto facile far confusione e inoltre i LED non sono troppo visibili in situazioni con tanta luce. Questo è uno dei motivi per cui è indispensabile scaricare ed utilizzare l’ applicazione dedicata,  YI ACTION disponibile sia per Android che per IOS.

Link utili:

Borsa/custodia Yi Action camera

3) Applicazione

Semplice e ben fatta (in inglese, ma molto intuitiva) YI ACTION ci permetterà di:

  1. Vedere la percentuale di batteria rimasta;
  2. Cambiare modalità video ( tra video normale e time lapse);
  3. Cambiare modalità foto ( foto normale, time lapse o timer);
  4. E’ possibile usare lo streaming video per regolare l’inquadratura;
  5. Possibilità di rivedere i contenuti appena acquisiti;
  6. E’ presente una sorta di social network sul quale condividere con altri utenti.

4) Porte e connettività

E’ presente uno slot per la memoria SD, dichiarata fino a 128 GB, anche se ho letto che molti hanno avuto problemi con tale dimensione. Io l’ho sempre usata con una scheda da 32 Gb e non ho mai avuto intoppi.

Leggi anche:  Xiaomi, le novità dal Mobile World Congress

E’ presente una porta HDMI per eseguire lo streaming diretto su un altro monitor e ovviamente una porta micro USB per la ricarica. Sfido chiunque a non perdere il carterino che protegge queste due porte (e la sede della scheda SD) perchè è praticamente solo appoggiato! Niente di grave comunque, non è una parte fondamentale.

Si collega allo smartphone tramite la rete WI-FI, la procedura è molto semplice e basta seguire le indicazioni; non sempre l’associazione, che avviene al primo tentativo anche se ogni tanto mi è capitato di dover ripetere l’operazione più volte prima che avesse esito positivo. Ci va un po’ di pazienza talvolta!!                    E’ presente, inoltre, una connettività bluetooth che però è dedicata al piccolo telecomando per autoscatto ( non in dotazione ).

Gli accessori su internet sono acquistabili a prezzi più che ragionevoli e la maggior parte di loro sono anche compatibili con lo standard go pro.

Link utili:

Joby Treppiede Gorillapod Magnetic Eco

5) Batteria

Innanzi tutto bisogna dire che, per avere una percezione precisa del livello della batteria rimasta, bisogna affidarsi all’applicazione che mostrerà la percentuale di carica rimanente.
Se non si necessita di una stima perfetta però, la Yi ci viene incontro con un sistema intelligente di colori assunti dal Led intorno al tasto di accensione:

BLU: da 100% a 50% circa

ROSA/VIOLETTO: da 50% a 20% circa

ROSSO: meno del 15 %

Per quanto riguarda la durata invece, dipende dall’utilizzo che se ne fa. Ovviamente bisogna centellinare l’uso del wifi per aumentare la durata della batteria. Volendo dare dei numeri, possiamo dire che è possibile ottenere circa 45 minuti di riprese (in Full Hd) continue a fronte di qualche minuto passato collegando la CAM allo smartphone per eseguire i necessari settaggi.

Leggi anche:  Recensione Honor Band 4 , meglio di Mi Band 3?

6) Foto e video

Per quanto riguarda i risultati, il dispositivo complessivamente realizza contenuti di buona qualità; ricordiamoci sempre che parliamo di un oggetto realizzato per essere comunque low-cost, soprattutto rispetto alla concorrenza GoPro.

Foto

La qualità degli scatti tutto sommato mi ha soddisfatto ma il problema più grande è che non avendo un display è difficile inquadrare perfettamente quel che si avrebbe intenzione di fotografare. In più, avendo una lente grandangolare è facile che nell’inquadratura finisca qualcosa che nei nostri piani non doveva esserci. Insomma, per farla breve, personalmente non ne consiglio l’utilizzo per questo scopo se non in emergenza.

Video

Discorso simile ma leggermente diverso per quanto riguarda l’aspetto video; innanzi tutto c’è la possibilità di acquisire filmati in 3 risoluzioni, tra le quali la 1080 a 60 fps che consiglio nella stragrande maggioranza dei casi.
La modalità time-lapse funziona e si ottengono discreti risultati.

L’angolo di ripresa è molto ampio (superiore ai 150 °) e quindi schiaccia e sagoma un po’ i bordi della ripresa, ma anche questa situazione è comune a molte (se non tutte) le Action Cam. Nell’applicazione è presente una sorta di modalità anti-distorsione ma il risultato rimane comunque discutibile.
Sull’audio acquisito direttamente dalla Yi nulla da segnalare se non una sufficienza piena e il volume un po’ basso.

Da considerare che il video l’ ho girato in 1080p ma per ragioni di spazio ho dovuto caricarlo in 540p.

7) Conclusioni e Consigli

Per chi è adatto

Il fatto che che la YI sia praticamente inutilizzabile senza smartphone accoppiato, anche solo per il settaggio, fa sì che non sia il massimo della comodità, soprattutto se si ha la necessità di catturare istantaneamente un evento.
La combinazione di foro per vite fotografica, un buon treppiede (o un cavalletto) e la lente grandangolare la rende però perfetta per riprendere un evento in tutta calma, esempio una partita di tennis o una serie di tuffi dagli scogli.
Visto il prezzo contenuto si può anche eventualmente pensare di (in base alla situazione) lasciare la Cam a riprendere l’intero evento mentre ci si allontana un po’ per fare qualche foto o qualche slow-motion magari con lo smarthphone.

Leggi anche:  Unboxing Xiaomi Airdots Pro, Rode e Blitzwolf

Ovviamente è indicata per i principianti che la montano su un casco e si lanciano giù per qualche discesa in bici o sullo snowboard. Insomma non succede di distruggerla ma se succede almeno non costa molto!

Per chi non è adatto

La YI non è adatta per chi la intende usare come macchina fotografica alternativa, su questo non c’è dubbio.
Anche per vloggare o fare riprese rapide non è il massimo ma per questo Xiaomi ha prodotto altri device tra cui la Yi Discovery 4k sulla quale presto scriverò un articolo.

Prezzo

Attualmente su amazon si può trovare per una cifra intorno ai 50 euro e nel corso del 2018 è andata spesso in offerta.

Consigli

Il primo consiglio che mi sento di dare è quello di usare sempre la connessione wi-fi per tarare bene la Cam prima di iniziare: si sceglie la modalità, si calcola bene cosa inquadrare e poi si parte. E’ facile se non si usa lo streaming dall’applicazione inquadrare male il soggetto o includere nel campo visivo anche ciò che non dovrebbe esserci.

Il secondo suggerimento riguarda il foro filettato: va sfruttato! Infatti permette di poter usare praticamente tutti i cavalletti e treppiedi fotografici senza problemi e soprattutto senza dover utilizzare altri accessori.

Per concludere, parliamo del settaggio: nelle impostazioni generali del dispositivo (device settings) è possibile scegliere in quale modalità si troverà la Yi appena accesa, conviene mettere direttamente Video perchè è estremamente probabile che per le foto la utilizzerete poco…forse mai!!

Un saluto!

Author: Gigi Cioffi

Rispondi