Samsung Galaxy A7 Recensione completa ma flash

Per Natale ho regalato alla mia compagna un Galaxy A7;  non sono, probabilmente,  il maggior fan di Samsung a livello mondiale, ma quando mi ha concesso di provarlo prima di prenderne possesso ovviamente ne ho approfittato.

E così ho avuto 3 giorni di tempo per spremerlo e testarlo per bene per poi scrivere questa recensione.
Normalmente mi prendo 3 settimane tra prova, scrittura e video perciò è stata un’esperienza diversa dal solito ma comunque positiva.

Come sempre ecco l’elenco degli argomenti che andremo a trattare:

  • Aspetto e materiali
  • Display
  • Sistema
  • Batteria
  • Fotocamera
  • Connettività
  • Audio
  • Altre Info

Aspetto e materiali

Ovviamente non c’è stato unboxing e dunque partiamo con la dotazione presente in confezione.
Nella piccola scatola bianca, oltre allo smartphone, troviamo il caricabatterie molto piccolo da 1,55 A , il cavo di ricarica MicroUsb (grrrrr), manualetti vari e gli auricolari standard.

Il design di questo telefono, dal mio punto di vista, è abbastanza anonimo ma comunque è da sottolineare la bontà dei materiali con una cover posteriore in vetro e il resto della scocca in metallo.

Pur essendo di dimensioni notevoli: 159.8 x 76.8 x 7.5 mm è abbastanza leggero 168 g, ma l’utilizzo ad una mano non è così semplice, bisogna farci l’abitudine.
Nota positiva, non è scivoloso e questo diminuisce notevolmente la possibilità di cadute accidentali dovute ad una presa poco salda.

Bordo sinistro: carrellino per 2 sim oppure una sim e scheda microSd
Bordo destro: tasto accensione/spegnimento integrato nel sensore di impronte digitale (dunque laterale) e tasti volume
Lato posteriore: Tripla fotocamera, principale 24 mpx + grandangolare 8 mpx + supporto 5 mpx e flashled.
Bordo inferiore: foro per il jack delle cuffie, microUsb, microfono e altoparlante mono.
Bordo superiore: secondo microfono

Questo slideshow richiede JavaScript.

Display

Primo grande punto a favore, stupendo è la parola giusta, su un telefono di questa fascia di prezzo non si può desiderare di meglio!
Parliamo di un Super AMOLED da 6″ con risoluzione 1080x2220, non curvato dai colori accessi e nitidi.
C’è l’Always On, personalizzabile, che sopperisce abbondantemente all’assenza del Led di notifica.

Ovviamente non c’è il notch, per partito preso, il lato frontale ospita inoltre la capsula auricolare e la camera selfie da 24 mpx con flash dedicato.

Leggi anche:  T-watch?Tact-watch? Lo smartwatch più pubblicizzato di sempre, che buffonata...

 

Sistema

Galaxy A7, ad oggi 29/12/2017 lavora con Android Oreo, dunque non ha ricevuto Android 9 e non ci sono notizie riguardo ad un imminente update.
La versione della Samsung Experience è la 9.0 mentre le patch di sicurezza sono quelle di Novembre 2018.

Nella recensione di Honor 10 avevo definito il sistema affidabile ma non velocissimo: con questo smartphone la storia si ripete, la differenza è che in questi 3 giorni di utilizzo (dunque una vera e propria impressione) il sistema pare essere ancor più solido ma un pelino più lento.
Nulla comunque che possa minimamente inficiare l’utilizzo quotidiano.

Per la navigazione di sistema abbiamo sia la possibilità di usare i classici tasti touch di Android (disponibili due versioni), sia le gesture che però non mi hanno fatto impazzire.

E’ presente lo sblocco col volto ma senza sensore infrarossi, dunque non funziona al buio.
Il sensore di impronta laterale è abbastanza lento ma affidabile, si possono registrare solo 4 impronte, ma ne parleremo ancora nelle conclusioni dell’articolo.

Il processore che muove questo smartphone, Samsung Exynos 7 Octa 7885 non è sicuramente tra i più potenti su piazza ma comunque, come detto in precedenza, rende il sistema non velocissimo ma affidabile.
4 i GB di Ram con 64Gb di memoria di archiviazione (espandibile con scheda microSD)

SCHEDA TECNICA

Batteria

Batteria da 3300 mAh, ovviamente integrata.
Come ampiamente detto la prova è durata solo 3 giorni: nel più intenso l’ho portato sotto il 10% ma con un uso “umano” del telefono a sera si arriva con oltre il 25% di carica residua.

Scalda? Normalmente no, patisce però la navigazione GPS e l’uso prolungato del comparto fotografico.
In gaming, ci ho giocato pochissimo e non ho raggiunto minutaggi tali da metterlo in difficoltà.

In sintesi, uso quotidiano nessun problema rilevante.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fotocamera

Eccolo il secondo punto di forza di questo Galaxy A7, l’intero comparto fotografico.
Partiamo dal posteriore, 3 camere di cui la principale 24 mpx con apertura 1,7 , la seconda è una grandangolare (circa 120 gradi) da 8 mpx e la terza da 5 mpx per creare gli effetti di profondità.
La camera selfie è anch’essa da 24 mpx e ha la comodità di avere un bel flash a disposizione nelle condizioni di scarsa luminosità.

Leggi anche:  Unboxing Devastator III e prodotti Blitzwolf

Si possono scattare davvero delle belle foto, la grandangolare permette di acquisire una notevole porzione in più di paesaggio mentre la camera supporto crea degli effetti bokeh davvero notevoli.
Nel supporto video vi mostrerò l’interfaccia.

Video fino a 4K .

Questo slideshow richiede JavaScript.

Connettività

Presente tutta la dotazione ormai standard nell’ultimo periodo.
Da segnalare la presenza dell’NFC e del Bluetooth 5.0 ; nessun problema di connettività, anzi una inaspettata efficienza nella connettività con l’app healt di Huawei necessaria per la connessione della mia Honor Band 4 Running Edition ( dalla batteria infinita!!!).

Dal punto di vista telefonico molto bene la gestione delle 2 Sim, con la possibilità di personalizzare e differenziare le suonerie.
Bene l’altoparlante in chiamata, forse un pelo basso ma comunque positivo.

Presente anche la modalità “doppio account” che permette di duplicare gli account di WhatsApp, Facebook e Telegram.

Audio

Nulla di particolare da segnalare sull’audio di questo dispositivo se non che è mono e che il volume e la qualità sono più che sufficienti.

Recensione Samsung Galaxy A7 - Supporto video

Altre info

  • 3 colorazioni disponibili: nero, blu, oro
  • entrambi le sim possono viaggiare in 4G
  • è presente una gesture che diminuisce l’ampiezza del display semplificando l’uso ad una mano
  • Non supporta la ricarica wireless
  • La ricarica è abbastanza veloce ma non fast

Prezzo

E’ possibile acquistare Samsung Galaxy A7 in tantissimi negozi e anche su Amazon per una cifra inferiore ai 280 €

 

Conclusioni

E’ tempo di trarre le conclusioni.
In questo caso è abbastanza semplice per quanto mi riguarda, considerando la fascia di prezzo in cui è inserito questo Galaxy A7 ha 2 grandi punti di forza e altrettanti punti deboli (però meno significativi).

Leggi anche:  Nokia ed Lg, novità dal Mobile World Congress

Partiamo dai punti di forza, un display del genere è davvero un lusso, guardare una puntata su Netflix o un video su Youtube in alta definizione è davvero appagante.
Secondo punto di forza è sicuramente il comparto fotografico, nella sua interezza è un piacere scattare delle foto con questo dispositivo. La camera grandangolare fa decisamente la differenza.

Punti negativi, il primo oggettivo, basta con questa microUsb! E’ scomoda, non è simmetrica, è superata! Quante ce ne saranno ancora nei magazzini del mondo?
Il secondo punto negativo è più personale e riguarda il sensore di impronte laterale: pur apprezzando l’idea non mi sembra efficiente, è più lento rispetto agli standard e in diverse occasioni mi è parso anche più scomodo, ma forse è questione di abitudine.
Ben diverso il fatto che si possano registrare solo 4 impronte, un limite abbastanza assurdo e che comunque può creare disagi.

Al netto di ciò, ovviamente i lati positivi di questo Samsung Galaxy A7 superano di gran lunga quelli negativi e dunque è comunque promosso a pieni voti!


Bene, per questo articolo è tutto, se vi fosse piaciuto vi invito a condividerlo con tutti coloro che potrebbero essere interessati; inoltre c’è la possibilità di commentare nella sezione dedicata qui sotto se aveste domande, dubbi o perplessità.
Io vi ricordo di iscrivervi al sito tramite mail e di seguirci sui nostri Social:
Facebook , Instagram , Telegram e YouTube 

Un saluto!

Author: Gigi Cioffi

Rispondi